Storia di Lacoste

90 anni di stile

René Lacoste

Il campione diventato inventore

René Lacoste, il coccodrillo originale

C'era una volta un uomo straordinario che ha rivoluzionato il suo tempo. Leggenda del tennis, inventore geniale, René Lacoste è un mito. Ecco la storia dell'uomo che ha reso il suo soprannome uno dei marchi più apprezzati al mondo...

Una storia da valigia

1923. “Se vinco, mi offri questa valigia! dice il campione di tennis René Lacoste al capitano della sua squadra, puntando gli occhi su una valigia di pelle di coccodrillo. La scommessa è persa ma l'avventura ha inizio. La stampa americana, affascinata dalla tenacia del giovane, ha trascritto l'aneddoto. René diventa "il Coccodrillo"... e diventa una leggenda.

L'uomo multiplo

Un Coccodrillo firmato Robert George

1927. Lo stilista Robert George si diverte a disegnare un coccodrillo e mostra i suoi schizzi al suo amico René Lacoste. Il campione di tennis non resiste al piacere di presentarsi con l'animale simbolo del suo riconoscimento internazionale... e se lo fa ricamare sul blazer bianco. Lo indossa prima di ogni partita. Non passerà inosservato.

Il logo su un capo, un'invenzione Lacoste

1933. L'industriale André Gillier aiuta René Lacoste a sviluppare la maglia per la speciale maglietta da tennis che ha immaginato. Bianca, porta il suo stemma ricamato sul petto. Nessuno ha mai osato, i suoi amici cercano di dissuaderlo, ma René Lacoste insiste... Riconoscibile tra mille, benvenuto al primo logo su un capo mai realizzato. Il coccodrillo.

90 anni, 10 coccodrilli

Versatile. All'avanguardia. Il coccodrillo Lacoste è un'opera d'arte. Da quello disegnato da Robert George al logo di oggi, l'attitudine rimane. Questa è la forza di un acronimo che è passato alla storia. Sottile, il Coccodrillo passa nelle mani dei designer, si evolve passo dopo passo. Il risultato ? Un segno di rally che trascende le culture. E attraversare il tempo.

Un rettile versatile

Il coccodrillo più famoso del pianeta cambia pelle...

L'invenzione che ha cambiato tutto

Una polo. Un logo. E tutto diventa possibile

Invenzioni che hanno rivoluzionato il XX secolo, un logo che ha inondato il pianeta... René Lacoste era un genio. La prima polo? È lui. Scopri la storia di un'icona.

Tagliare le maniche. Movimenti liberati.

1928. René Lacoste gareggia nella finale del campionato francese con una maglia non regolamentare... Scandalo! Il campione francese gioca in maniche corte! Più veloce che mai, René Lacoste è al suo apice. La maglia accompagna con flessibilità la bellezza del suo gesto. Altri atleti sono interessati.

Inventato da René Lacoste

Prima che il coccodrillo invadesse i campi da tennis, la maglietta di cotone a maniche lunghe era la norma. La polo Lacoste era una sola invenzione e tre brevetti. In termini di vestibilità, le maniche corte ottimizzano la mobilità. Il materiale innovativo, "le petit piqué", ha permesso ai giocatori di sudare meno. E come precursore di stile, è stato ricamato con il primo logo sul petto...

La polo L.12.12

La società “René Lacoste e André Gillier” è stata fondata nel 1933. La loro ambizione? Disegna abbigliamento sportivo che si distingue. Entrambi gli uomini iniziano forte. Inventata da Lacoste, la polo è una rivoluzione. Il suo nome? L.12.12. L per "Lacoste". 1 per “petit piqué”, 2 per “maniche corte” e 12 perché questo è il dodicesimo prototipo…

Trova la tua

Colori Lacoste

Gentiluomo inarrestabile, René Lacoste ha creato un marchio a sua immagine. Sii sempre ottimista, sempre in movimento. Questa è l'ossessione dell'"uomo in bianco" che, dopo il trionfo sui campi, colora il tennis. Fu nel 1951 che apparvero le prime polo colorate. Da allora, la tavolozza Lacoste ha continuato a esplodere. Primari o pop, i colori si scontrano.

L'eleganza made in France

È a Troyes che Lacoste tesse il filo della sua fertile immaginazione. L'uomo che cambierà tutto? Andrè Gillier. Il campione e il boss di uno dei più importanti negozi di calzetteria di Francia si accordano per lanciare la maglia disegnata da René. E sviluppare il “petit piqué”. 90 anni dopo, la fabbrica vibra ancora al ritmo del Coccodrillo...

Gli impegni

Polo ovunque

Da New York a Seoul passando per Città del Capo, la polo Lacoste è ovunque. Colori. Culture. Personalità. L'iconico è un basic... per tutti.

Nuova campagna

Le icone

5 pezzi da leggenda

La storia dei must have

Le polo Lacoste, i marsupi, i maglioni da tennis, i cappellini e le tute incontrano tutte le generazioni. Tutte le culture. Tutti gli sviluppi.

La maglia da tennis

Pezzo chiave per gli atleti dal 1920, la maglia da tennis viene ora indossata senza racchetta in mano. Modernizzato, lo scollo a V afferma la sua firma secolare. Reinventata, la maglia a costine rimane. Anche lo spirito retrò. Per far vibrare lo stile nei colori del Coccodrillo.

Tutte le nostre felpe

Berretti del coccordillo

Tipico della metà degli anni '80, il berretto Girolle con i suoi 5 pannelli emblematici sta tornando alla moda. Visiera piuttosto piatta o cappellino da baseball?

Tutti inostri cappelli

100% tute

In origine veniva utilizzato per mantenere gli atleti al caldo, prima e dopo l'esercizio. Oggi la tuta è vista come Fashion Sport. Dettagli tecnici. Design di classe. Comfort ottimizzato. Rimane solo una domanda... Dovrebbero essere indossati insieme o non in coppia?

Tutte le nostre tute

Marsupi per sempre

Icona Lacoste dagli anni '80, il marsupio è la borsa di milioni di coccodrilli attaccati alle sue linee pop e al suo pratico carry. Multiculturale, è una pioniera spesso imitata. Ma mai eguagliato.

Tutti i nostri marsupi

Polo per tutti

L'epopea di Lacoste inizia qui. Inventato da René nel 1933, la polo unisce ancora oggi milioni di coccodrilli. Petit Piqué o Sport, trascende il tempo. Accompagna tutte le storie, tutti i movimenti.

Tutte le nostre polo

Lacoste Life

Campi di espressione. Terreno eccezionale.

Il profumo. Gli Occhiali. Gli orologi. La biancheria. Gli Articoli in pelle. Intimo. Lacoste è anche un coccodrillo che si imprime per tutta la vita. Immergiti in un mondo in cui i codici del tennis, le tendenze e la tecnologia si dispiegano, ovunque tu sia.

Profumi d'autore

Imbottigliare l'essenza stessa della polo Lacoste? Questo è stato fatto nel 1968. Alchimista di un dinamismo sport-chic, il marchio si lancia nella profumeria di alta gamma e compete con i più grandi marchi. Gli anni '80 sono una svolta. Uomini, donne, bambini... ogni appassionato di Lacoste ha la sua fragranza crocodile. Ancora oggi.

Trova il tuo profumo

Vista completa

"Unico e diverso". Quando ha lanciato una prima linea di occhiali da sole, i criteri di Bernard Lacoste erano chiari. Famosissima per il suo know-how, l'azienda Lamy ha creato il famoso "Lacoste 101" nei primi anni 80. A livello internazionale, il successo è stato senza precedenti. Da allora, il look crocodile è un must.

Orologi Lacoste

Nessun confine. Senza limiti. Fedele allo spirito di conquista di René Lacoste, Bernard Lacoste non smette mai di conquistare nuovi mercati. Nascono gli orologi Lacoste. Sportivi, eleganti, ultra resistenti... combinano l'arte dell'orologeria con il DNA Lacoste.

Articoli in pelle di coccodrillo

"Accompagnando tutti i movimenti, un'ossessione di Lacoste. Dallo spirito del Coccodrillo nascono borse prodotte in serie progettate per conservare, durare e ispirare. Dall'iconica banana bag alla speciale custodia per smartphone, Lacoste moltiplica i bestseller di pelletteria da 5 decenni Shopping bag senza tempo, zaini idrorepellenti, portafogli in pelle... tutto è possibile.<br>"

Interno Chantaco

Un dominio sportivo e familiare, il campo da golf Chantaco è un paradiso Lacoste. Eleganza alla francese con dettagli Art Déco, omaggi al golf e al tennis ovunque si guardi... lì si coltiva una certa arte di vivere, che ancora e sempre ispira il marchio. Lenzuola, asciugamani, accappatoi, cuscini... Vivi l'esperienza.

Competenza nell'intimo

Quando René Lacoste unisce le forze con André Gillier per lanciare la polo, non è un caso. L'industriale è un esperto di speciali maglie "da calzetteria", quelle che oggi chiamiamo "intimo". Quindi in flessibilità, in comodità, in movimento. Lacoste Underwear è il risultato di un lungo lavoro sulla mobilità. Una tradizione di intimo firmata Lacoste, esperta di qualità.

Grafica

Grafica

Codice del coccodrillo

Quando Robert George assunse la direzione artistica di Lacoste nel 1933, si rivelò un'immaginazione illimitata... Tutto lo ispirava. I campi da tennis. Codici sportivi. Il tempo. Benvenuto nell'esclusiva grafica Lacoste.

Il Piquè

Originariamente creato per la polo, il petit piqué è una maglia in rilievo resistente e leggera. Dal 1933 ad oggi, c'è solo un passo. Il materiale Lacoste per eccellenza trascende i limiti dell'abbigliamento. Da bianco diventa colorato. Da maglia si trasforma in stampa... più grafica che mai.

Gioca

Il campo

La linea di base disegna i contorni dello stile del Coccodrillo. Le linee bianche del campo da tennis firmano il look Lacoste con una linea grafica. In versione stampata, a treccia o a treccia bianca, il "piping" sottolinea la struttura del capo.

Le strisce

Dai pennelli di Robert George alle ultime collezioni Lacoste, le righe sono ovunque. Motivo protagonista dello stile di vita sportivo degli anni '30, è stato il primo motivo ad apparire sulle polo Lacoste. Oggi si dispiega in tutti i colori, tutti gli spessori... e tutte le direzioni.

La rete

Ispirato ai codici del tennis, il Lacoste check è un disegno grafico tratto dalla rete e dalla testa della racchetta. Stampato. Ricamato. Lavorato a maglia. Il net check è una specialità Lacoste che resiste alla prova del tempo.

Il blocco di colore

Risalente alle maglie sportive, il blocco di colore contraddistingue gli elementi essenziali Lacoste con colori pop. Blu navy, verde e rosso storico si confrontano con contrastanti assemblaggi geometrici. Saggi investimenti. Scontro audace. E il Coccodrillo esplode di vita.

Le polo Lacoste

Il pugno

Appena 15enne, René Lacoste ebbe un'idea geniale. Copri il manico della sua racchetta da tennis con del nastro chirurgico per renderlo più maneggevole. Pochi anni dopo, il cerotto fu sostituito da una fascia in pelle traforata. È il "pugno"... che si trova su molti vestiti e accessori.

Il coccodrillo

Un soprannome. Un portafortuna. La prima sigla apposta all'esterno dell'etichetta su un indumento. Un logo che fa il giro del mondo. Un segno distintivo. Come René Lacoste, il coccodrillo è un animale tenace... Inciso, multicolore, fuori cornice, incorniciato o opaco, rimane sempre lo stesso. E attraversare il tempo.

Quando il Coccodrillo invita

Gioca in gruppo!

Circondarsi del meglio: una filosofia Lacoste. Dai primi passi del Coccodrillo ai giorni nostri, l'etichetta continua a collaborare con coloro che immaginano il futuro... e progettano il presente. Risultati? Il Coccodrillo diventa ibrido. E attraversa il tempo.

Lacoste X Campana

2009. Polo da collezione realizzate con i fratelli Campana, grandi stilisti brasiliani. Un'evocazione dei merletti del nord del Brasile e dei raggruppamenti di coccodrilli durante la stagione secca.

Le collaborazioni

Lacoste X Lesage

2015. 8 polo uniche. 8 muse. Lacoste unisce le forze con la più grande casa d'arte del ricamo francese, Lesage. Il risultato ? Pezzi pop e preziosi che reinventano la prima polo da donna. Versione alta moda.

Lacoste X Jean-Paul Goude

2016. Lacoste dà carta bianca al famoso fotografo Jean-Paul Goude per una capsule collection “Holiday”. L'idea? Reinterpretare il famoso coccodrillo con il suo occhio creativo. Polo miste, bomber, pelletteria… il logo Lacoste diventa un pilota pop o un funambolo su capi da collezione.

Lacoste X Suprême

2018. La più grande etichetta di skate e streetwear di New York rivisita i pezzi Lacoste che hanno segnato gli anni 80 e 90. Maglioni, felpe con cappuccio, accessori... La collaborazione è un must per i collezionisti.

Lacoste X A.P.C

2022. Uno ha attraversato il pianeta. L'altro è puramente parigino. Mano nella mano, Lacoste e A.P.C mescolano i loro codici in un guardaroba fashion. Progettato per la città. Progettato per lo stile.<br>

Lacoste X IUCN Save Our Species

2019. Dopo un primo evento-collaborazione nel 2018, Lacoste lancia 10 nuove polo a favore di 10 nuove specie in via di estinzione. Il logo del coccodrillo lascia il posto alla foca monaca hawaiana, alla lince iberica o all'addax. I profitti? Sono interamente donati all'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN).

Lacoste X Minecraft

2022. Materiali a ridotto impatto ambientale e tessuto riciclato. Un guardaroba unisex. L'esploratore, l'intrepido, l'influencer... ci sono tanti profili quanti sono i giocatori. Con uno stile che costruisce come un mondo di Minecraft.

Lacoste X Keith Haring

2019. Polo, camicie, abiti, sneakers, orologi... I mitici personaggi di Keith Haring si mescolano al coccodrillo. E persino vestire i bambini con questa street art degli anni '80 rende immediatamente riconoscibile.

Lacoste X Peter Saville

2013. Chi meglio del direttore artistico inglese per trasformare la polo bianca L.12.12 in un must-have di collezione? Peter Saville sfuma le linee del Coccodrillo... e realizza 80 ricami diversi. Per gli 80 anni dell'etichetta.

Lacoste trascende le culture

Pianeta Coccodrillo

René Lacoste è uno dei primi sportivi francesi a conquistare l'America. 90 anni dopo, il suo coccodrillo è ovunque. Dal Giappone all'Egitto, un segnale forte. Annunci di collezionisti.

Francia

Prima pubblicità per camicie Lacoste, 1933, e pubblicità Lacoste del 1986

USA

Pubblicità Lacoste, 1997

Giappone / Corea

Pubblicità Lacoste, anni '90

America Latina

Pubblicità Lacoste, 1968 e 1988

Egitto

Pubblicità Lacoste, 1997

Germania

Pubblicità Lacoste, 1986

Sneakers

Dal 1958

I coccodrilli ora indossano scarpe

Per 60 anni, le scarpe Lacoste hanno segnato le loro epoche. Nate sui campi da tennis, le mitiche silhouette del coccodrillo sono diventate, nel tempo, vere e proprie icone street.

La René. La scarpa originale.

Il 1958 fu l'anno di un'impresa tecnica. Leggerezza, comfort, presa... Lacoste ha sviluppato la prima scarpa per giocare a tennis. Rinforzo in gomma nell'avampiede. Tela di cotone a spina di pesce. Occhielli di ventilazione. Il "René" era una stella che è stata rapidamente conquistata dai campioni. L'inizio di un nuovo capitolo nella storia del coccodrillo.

Innovazione all'avanguardia

Ammortizzazione in EVA, rinforzi protettivi, impugnature antiscivolo, sistema di ventilazione... Le scarpe da tennis Lacoste sono sempre state caratterizzate da proprietà tecniche avanzate che spingono i limiti delle prestazioni e che hanno contribuito a far evolvere lo sport.

Uno schizzo profetico

Primo schizzo a mano libera della "René" di René Lacoste. 1957. Brevetto: n°75 2651 intitolato "Strato plastico antiscivolo".

La golden age della silhouette del Coccodrillo

Gli anni '80 e '90 segnano l'avvento della scarpa Lacoste. Silhouette snelle, materiali innovativi, dettagli singolari, le scarpe da tennis Lacoste sono state elevate al rango di icone e lasceranno per sempre il segno sulle sneaker firmate dal coccodrillo.

Collaborazioni di culto

Ibride, performanti e alla moda, le sneaker Lacoste stanno facendo impazzire gli sneakerhead più acuti del pianeta. La prova ? Speciali collaborazioni di sneaker per collezionisti... Con la rivista Sneaker Freaker. Con l'etichetta giapponese Mastermind. O con i migliori indirizzi come Footpatrol a Londra, Concepts a Boston o Atmos a Tokyo e Osaka.

Sneakershop

Tennis

Lacoste sui campi da gioco

Roland-Garros e colpi di genio

Giocatore internazionale e geniale inventore, René Lacoste ha lasciato al mondo del tennis la più bella eredità. Una squadra leggendaria. Uno stadio leggendario. I più grandi ambasciatori. Brevetti visionari. Porta la palla al balzo di una storia... straordinaria.

Generazione Moschettieri

La squadra di tennis francese ha dominato le partite degli anni '20 e '30. Sei vittorie in Coppa Davis, 40 tornei del Grande Slam vinti in singolo e doppio… i “Moschettieri” sono ovunque. Soprannominati in riferimento al romanzo di Alexandre Dumas – si diceva che brandissero una spada in ogni diritto e in ogni rovescio – e al loro spirito conquistatore, René Lacoste "il Coccodrillo", Jean Borotra "il basco che salta", Jacques Brugnon alias "Totò " e Henri Cochet "il mago" fanno alzare la folla.

Gli Open in Francia

I "moschettieri" hanno travolto la stampa e il pubblico. Nell'inverno 1927-1928, lo stadio Roland-Garros fu costruito ai margini del Bois de Boulogne per ospitare la finale di Coppa Davis, portata in Francia da Lacoste e dai suoi compagni. Questo era il minimo che meritavano. Benvenuto a partite epiche... e al partner più fedele del coccodrillo.

Colpi di genio

Lacoste aveva appena 15 anni quando stava già armeggiando con la sua racchetta. Il suo obiettivo? Migliora le tecniche esistenti per battere gli avversari. 1927. Il futuro campione mette giù una macchina superstar: il lanciapalle. E un'idea lo ossessionava... sostituire il legno delle racchette con l'acciaio per migliorare il colpo. Nel 1963, sarà fatto. Nuovo brevetto, la racchetta in acciaio LR07 ribalta la storia del tennis mondiale.

Mitico in campo. Indimenticabile in Lacoste.

Il primo marchio a sponsorizzare gli atleti, Lacoste è una costellazione di campioni... che rappresentano sempre il Coccodrillo. Nel 1991, la racchetta Equijet inventata da René Lacoste porta Guy Forget ad essere il numero 4 del mondo e gli fa vincere la Coppa Davis. Proprio come Fabrice Santoro, "l'uomo dei diritti a 2 mani", in Lacoste dalla testa ai piedi. Nel 1996, Guy Forget vinse di nuovo il trofeo... e lasciò il posto ai suoi eredi. 2001. L'ultra tenace Arnaud Clément, tra i primi 10 al mondo, e il 4° al mondo Sébastien Grosjean vincono anche la Coppa Davis. Sempre in Lacoste, l'undicesima al mondo Nathalie Dechy è in semifinale agli Australian Open. Anche Novak Djokovic, Daniil Medvedev e Venus Williams sono vestiti dal Coccodrillo.

Tutto per lo sport

Golf

Lacoste sul green

Una storia di donne

Lacoste è anche un'etichetta essenziale sui campi da golf. Se René ha i rovesci nel sangue, vibra anche per la passione di Simone e Catherine, le sue mogli campionesse... e figlie. Direzione Chantaco, la roccaforte di famiglia che ha visto nascere tante storie...

Simone e Catrherine, le campionesse

Trofeo delle ragazze britanniche. Coppa delle donne. Internazionali francesi. Con uno swing notevole come il rovescio del suo futuro marito, la campionessa di golf Simone Thion de la Chaume ha già vinto tutto. Dalla sua unione con René Lacoste nascerà Catherine. Tale madre, tale figlia…Catherine Lacoste è stata una delle più grandi campionesse di golf degli anni '60 e '70.

Chantaco, il paradiso del golf

Kiki Larretche, Juani Delgado, Sandrine Mendiburu, Jean-Claude e Armand Harismendy, Michel Tapia, Raymond Telleria... i grandi nomi del golf vengono da Chantaco. Quando Simone Lacoste eredita la tenuta di suo padre, ha un'ambizione. Questa terra basca sarà quella del golf. Un campo da golf democratico, aperto a tutti. Per allenare i campioni.

Mitico sul green. Indimenticabile in Lacoste.

Stelle dei green, i più grandi golfisti sono gli ambasciatori Lacoste. Jose Maria Olazábal, vincitore del Masters nel 1994 e nel 1999, Patricia Meunier-Lebouc, vincitrice del Kraft Nabisco Championship nel 2003 e giocatore della Solheim Cup, Jean Van de Velde, primo giocatore francese a giocare nella Ryder Cup e secondo nel Regno Unito Open nel 1999 e Thomas Levet primo giocatore francese a vincere la Ryder Cup, secondo al British Open nel 2002 e vincitore dell'Open di Francia nel 2011 firma per il Coccodrillo. Anche Adri Arnaus, Antoine Rozner e Céline Boutier sono vestiti dal Coccodrillo.

Tutto per lo sport

Un nuovo pilota

Nel suo laboratorio Chantaco, René Lacoste innova. Inventa nuovi processi. Perfeziona le tecniche esistenti. E desidera realizzare per il golf ciò che ha realizzato per il tennis con la racchetta d'acciaio. Nel 1982, era fatto. René Lacoste introduce una mazza da golf in poliuretano... molto più efficiente dei modelli in legno.

Lacoste e il FFGOLF

Partner storico della Federazione francese di golf, Lacoste è fornitore ufficiale della FFGOLF e delle squadre francesi.

Il campione diventato inventore